…E ALLORA PARLIAMO DI GELOSIA!!

Il test della scorsa settimana, che mirava a misurare NON TANTO se e quanto siete gelosi, piuttosto quanto ognuno di voi ne è consapevole, ha avuto un buon successo…e allora oggi parliamo un
po’ di questo “MOSTRO dagli OCCHI VERDI”, come la chiama Shakespeare!

Che cos’è la GELOSIA? E da cosa nasce?

E’ certamente un’emozione, che nasce in maniera del tutto spontanea e naturale quando si forma un legame di coppia, una relazione.

E finchè resta a questi livelli di naturalezza è anche un sentimento essenziale nel rapporto amoroso, perchè in qualche modo è il sentimento “garante” dell’esclusività del rapporto stesso.

E’ quello che genera complicità e intimità nella coppia.

Ed è quello che alimenta l’impegno verso se stessi e verso il partner (stare bene con se stessi e far star bene il partner rendono la coppia solida!).

Ma…quando da DESIDERIO di esclusività, si trasforma in BISOGNO di POSSESSO allora cominciano i guai! Perchè qui la gelosia perde ogni suo aspetto sano e diventa dannosa, talvolta persino violenta e, quindi, inaccettabile.

Un segnale FORTE che da gelosia “naturale” si sta passando a un sentimento DANNOSO è quando in uno dei due partner scatta la FISSAZIONE del CONTROLLO (si diventa sospettosi, sorveglianti, si
sottopone l’altro a scenate e interrogatori, sempre in agguato alla ricerca di “segnali”…che a volte si finisce per trovare perchè l’altro o l’altra è esasperato/a!!
), fino a desiderare la privazione della libertà del partner.

A volte questo comportamento nasconde una carenza di autostima o unsenso di inadeguatezza proprio nell’affrontare una relazione a due…in ogni caso è  un’emozione mal gestita (o proprio totalmente
NON gestita, subita!) che genera comportamenti equivoci e pericolosi per la coppia e TUTTAVIA con l’aiuto di esperti (come i nostri coach!) si può ben superare.

 

Gelosia: sale del rapporto o segnale d’allarme?

gelosiaLa gelosia è uno dei sentimenti più comunemente provati da chiunque viva un rapporto di coppia; c’è chi dice che ne sia il sale, altri invece la riconoscono come uno dei problemi più deleteri che si devono affrontare in una relazione di coppia. Gli antropologi e gli studiosi del comportamento ci dicono che è uno dei sentimenti più antichi che caratterizza il legame uomo-donna; nell’epoca preistorica era istintiva e serviva per la conservazione della specie: doveva limitare l’esuberanza sessuale nella femmina e d’altro canto impedire al maschio di abbandonare la compagna.

E oggi? Oggi recenti studi sui problemi nella coppia, ci riferiscono che la gelosia, nella migliore delle ipotesi, può servire per riavvicinare il partner per breve tempo; ma se una coppia sta già attraversando una crisi, la gelosia acuirà le incomprensioni e i litigi, favorendo purtroppo i processi di separazione. E’ anche vero, però che dati statistici recenti ci dicono che spesso la gelosia è…giustificata. Sì perchè solo in Italia il 50% delle donne impegnate in una relazione tradisce il proprio partner; se guardiamo agli uomini la percentuale sale al 65%.

Forse allora nella coppia si potrebbe lavorare insieme e riportare il sentimento della gelosia alla sua semplicità originaria: quel sano cicalino d’allarme che indica alla coppia che è arrivato il momento di dedicarsi più tempo, di ritrovare una sana intimità sessuale, di provare a comunicare in maniera più diretta e semplice per cercare, anziché di soffocare i problemi con la frustrazione, l’insicurezza e la sofferenza, di risolverli serenamente e insieme.