Come affrontare il calo di desiderio sessuale all’interno della coppia???

Soprattutto quando la coppia è consolidata (e quindi attraversa fasi di routine) oppure se è all’inizio di un momento di crisi può capitare un momento di “STASI” nella vita sessuale.

Un lento e costante calo del desiderio che ha come come risultato un forte senso di frustrazione e di non comunicazione da parte di tutti e due i partner.

Cosa fare?

Come al solito noi di ProblemiNellaCoppia.com ti suggeriamo, se ti trovi in una situazione del genere, di procedere con molta cautela: senza drammi, né scenate.

E soprattutto ti consigliamo, come spesso abbiamo fatto, di provare a guardare il problema non solo attraverso i tuoi occhi, ma di “scambiare le tue lenti” per così dire, con quelle del tuo partner. Sì perchè all’interno di una coppia uomo e donna possono attraversare un fase di calo del desiderio per motivazioni molto differenti l’una dall’altra e saperlo e imparare a comunicarselo è già un buon primo passo verso la risoluzione del problema.

Escludendo in questa sede problemi di tipo patologico per i quali rimandiamo senz’altro agli esperti e specialisti dei settori (psicologi, medici ginecologi o andrologi…), ti vogliamo ricordare le più tipiche motivazioni che fanno parte della sfera emotiva e di comunicazione, sulle quali, conoscendole, puoi intervenire anche da sola (o da solo).

PER UNA DONNA: il calo del desiderio sessuale, è legato soprattutto…alla “difficoltà di concentrarsi”…cosa significa? Siccome per la donna la sessualità coinvolge soprattutto la sfera mentale ed emotiva, quando nella relazione intervergono cambiamenti importanti che le “occupano” i pensieri ecco che può venir meno il desiderio di intimità con il partner.

Il caso più tipico è, ad esempio, l’arrivo di un bebè: la donna, tutta presa dal suo nuovo ruolo di madre, concentrata sulle cure del piccolo, sul nuovo senso di responsabilità e sul nuovo modo di manifestare l’affettività “distoglie” la sua mente dal suo ruolo di amante e compagna…e l’intimità ne soffre!

PER UN UOMO: l’approccio è invece tutto fisico e il calo del desiderio è infatti molto spesso legato ad un semplice fattore fisico come la STANCHEZZA: un lavoro molto stressante che lo porta a stare più di dodici ore fuori casa; l’utilizzo smodato di computer o telefonino o televisione anche nelle ore più tipiche da dedicare al sesso; una cena molto pesante; abuso di bevande alcooliche… sono tutti fattori che “deteriorano” lo stile di vita e quindi la salute fisica…e con essa anche la qualità e la quantità del sesso!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *