Linguaggio del copro: un alleato prezioso per una comunicazione efficace 2

Per avere un dialogo di coppia più sereno ed efficace è di fondamentale importanza conoscere i segnali principali che mandiamo al nostro partner con gli occhi, con i movimenti degli arti, della testa…insomma attraverso il linguaggio corporeo. A volte infatti anche se a parole dichiariamo la nostra disponibilità a parlare con il nostro lui o la nostra lei, o affermiamo di essere interessati a ciò che l’altro dice, a ben guardare, tutto il nostro corpo grida l’esatto contrario, magari perchè siamo stanchi o perchè qualcosa nella giornata è andato storto, perchè abbiamo avuto una delusione o un dispiacere, insomma i motivi per cui non è un buon momento per parlare sono molti e d anche leciti …ed infatti tutto ciò che ne risulterà da quella chiacchierata sarà un’incomprensione, un equivoco o peggio un litigio.

Un primo importante elemento, come abbiamo già avuto modo di dire, che può bene o mal disporre la comunicazione è saper valutare se per caso l’ambiente circostante o quello dove la coppia intende recarsi sia un luogo “positivo” e confortevole. La “pillola” odierna per il nostro vademecum è il significato di qualche piccolo gesto che ci indica che non è proprio l’aria di affrontarsi, meglio rimandare ad un altro momento:

  • Gesti di stizza, fastidio: toccarsi ripetutamente il naso come per grattarsi; stropicciare un occhio come per togliere qualcosa; fare il gesto di togliere briciole (vere o immaginarie) da una tavola.
  • Gesti che indicano rifiuto dell’altro o del contatto: voltare la testa o lo sguardo da chi sta parlando; ruotare il bacino per cambiare posizione rispetto al partner; allontanarsi e/o accavallare le gambe in senso contrario al partner; aggrottare le sopracciglia.

E poi ricordiamoci sempre di notare il volume e il tono della voce del nostro lui o della nostra lei: se stridono fortemente con i contenuti di quanto sta dicendo (tipo ci URLA di essere calmissima/o), allora forse sarà meglio rinunciare serenamente ed evitare di insistere..non ne caveremmo un ragno dal buco!

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *