Problemi nella Coppia stabile: libertà di scelta…o INCAPACITA’ di SCEGLIERE

 I dati dell’Istat parlano chiaro: dagli anni ’70 ad oggi, in Italia, le coppie che convolano a nozze sono scese da 420mila a 217mila, praticamente dimezzate.

Negli Stati Uniti, per la prima volta, la percentuale dei single ha superato ha superato quella degli sposati.

 Cosa succede? E’ proprio vero che quello che fa paura, come si sente spesso dire in giro, tra le giovani coppie, è il “contratto”???

 In teoria rimanere “eterni fidanzati” può allettare per molti motivi:

  1. l’idea di “inquadrare” il rapporto matrimoniale solo in un registro di “doveri” può effettivamente spaventare o comunque far perdere attrattiva;

  2. la relazione senza vincolo, senza l’”obbligo” di restare insieme, potrebbe dare l’ idea di preservare la spontaneità dei sentimenti e la freschezza del rapporto;

  3. il fatto che alla relazione senza legame si associa un maggiore senso di leggerezza…quasi di disimpegno

 Ma cosa si nasconde sotto sotto? A noi sembra ce ci possano essere in realtà ben altri presupposti e sottintesi…

Tipo l’ILLUSIONE che un legame “libero” possa lasciare più libertà di “manovra” (del tipo “se va male, lasciarsi non sarà un problema”…) oppure che possa garantire una maggiore possibilità di scelta tra le possibili forme di relazione (convivenza, piuttosto che rapporto a distanza…) o addirittura nello status di “single” (come se realmente la solitudine rappresenti una scelta consapevole e volontaria!).

Dal nostro punto di vista gli argomenti visti sopra potrebbero addirittura nascondere tutta una serie di PAURE ( paura di impegnarsi, paura di fare e portare avanti un progetto a lungo termine…) e INCAPACITA’ (incapacità di riconoscere la differenza tra innamoramento e amore, incapacità di fronte a tante possibilità di scelta di COMPIERLA veramente quella scelta…)

 E voi che ne pensate??? Ditecelo attraverso i vostri commenti, qui sul blog, o anche sul nostro gruppo FB!

A NATALE INNAMORATI DI NUOVO DEL TUO PARTNER …E DIMENTICA I PROBLEMI NELLA COPPIA!

Natale è davvero un periodo magico, lo sanno bene i bambini che in questo periodo sono talmente carichi di emozioni e di “elettricità”, che hanno costantementegli occhi brillanti come le lucine che addobbano gli alberi e le vetrine!!!!!

Per questo per molti, soprattutto se stanno vivendo un momento difficile nella relazione di coppia, potrebbe essere un momento per approfittare “della magia” e tornare a CREDERE che sia possibile riconquistare l’amore del proprio partner…o perdonare una colpa….o ricominciare a cercarsi e a corteggiarsi come i primi tempi di innamoramento…

Perchè ad esempio non scrivere una lettera all’altro (o all’altra), quasi fosse il tuo personale Santa Claus, in cui  oltre a comunicare i tuoi desideri e i tuoi progetti per voi due,  gli  (o le)confidi anche qualche emozione che ti è rimasta nel cuore, un sentimento che magari non sei mai ruiscito a esprimere a parole

PROBLEMI NELLA COPPIA: SESSUALITA’, ROUTINE … CORTEGGIAMENTO!

Ti sarà capitato in molti momenti della tua vita di coppia di notare un certo…”raffreddamento” nella sfera dell’intimità sessuale, beh, sappi che è una cosa molto comune a tutte le coppie, soprattutto quelle che stanno insieme da molti anni.

Questo può accadere per alcuni motivi, che noi di Problemi Nella Coppia, abbiamo riscontrato essere ricorrenti.

Quello principale sembra essere la cosiddetta ROUTINE; ovvero nello scorrere della vita di tutti i giorni, certamente tu e il tuo compagno dovrete occuparvi in maniera continuativa di molte “urgenze” legate alla quotidianità: gli impegni lavorativi di ciascuno dei due, figli, se ci sono, menage domestico (spesa, lavori di casa…).

E in tutto questo “tran-tran” la vita sessuale viene messa in secondo pianoTi sei mai chiesta o chiesto il PERCHE’?

Beh, una prima motivazione è che tutte le coppie tendono a considerare la sessualità come un istinto spontaneo, naturale, che dovrebbe restare inalterato nel tempo… MA POI alla resa dei conti, non è così!

La sessualità UMANA è infatti un insieme molto complesso di istinto naturale, emotività, sentimenti e chimica del cervello!

Per questo quando ci sono problemi nella coppia, nervosismo, stanchezza avrai notato anche tu che uno dei primi sintomi è proprio il calo del desiderio e di conseguenza dell’intimità tra te e il tuo (o la tua) partner.

Potresti chiederti, allora: “Ma esiste un modo per mantenere vivace e attiva la nostra sfera sessusale, anche dopo anni di vita insieme, anche nel bel mezzo di tutti gli impegni della vita quotidiana ?

Certo che sì!

Un trucco molto efficace, quando ti rendi conto di un momento di allontanamento tuo o del tuo compagno e ritornare alla carica con il CORTEGGIAMENTO, in tutte le sue forme!

Da quelle più tradizionali e romantiche: un bel mazzo di fiori al tuo rientro dal lavoro, quasi certamente ben disporrà la tua LEI ad un incontro più “ravvicinato” della solita tv dopo cena; qualche sms a sorpresa durante la giornata dove gli dici che lo cerchi, che ti manca, che lo aspetti…;

A quelle che rompono decisamente gli schemi: una cena fuori a sorpresa solo per voi due; un regalo a base di biancheria sexy…

Ad altre forme di corteggiamento indirette, ma sempre molto efficaci: come la cura particolare dell’aspetto fisico o dell’abbigliamento…

Corteggiare il tuo compagno o la tua compagna riaccenderà in lui o in lei, la memoria EMOTIVA, riattivando il GUSTO e il DESIDERIO del piacere reciproco, del gioco erotico!

Il rispetto crea l’Amore Autentico

Troppo spesso nelle relazioni di coppia, uno dei due, se non tutti e due, cerca di educare l’altro. Questo è uno dei modi più malsani di amare e di comunicare il proprio amore. Volere senza tregua educare l’altro dimostra che vogliamo sia dominarlo sia cambiarlo. Non è un autentico modo di amare.

Se non siete soddisfatti della persona con la quale vivete non cercate di cambiarla, non servirà a nulla esercitare pressioni su di lui ciò non farà altro che contribuire a rafforzare le cose che non vanno: imparate piuttosto ad accettarla per quella che è.

Spesso si ha la tendenza a pretendere che sia l’altro ad accettare i nostri difetti, ma talvolta si dimentica che bisogna essere i primi ad applicare questo principio nei propri confronti.

Per esempio se vi trovate a dire qualcosa che va al di là di ciò che pensate o se vi sfugge una parola offensiva, siete molto contenti se il vostro partner non ci fa caso… cercate dunque di sviluppare lo stesso atteggiamento di rispetto nei suoi confronti! Uno dei segreti delle coppie felici consiste nello sdrammatizzare e nell’essere capaci di perdonare. Se non provate a sviluppare queste doti in voi cererete sicuramente un clima pesante che degenererà presto.

Ricordate quindi che l’indicatore di un modo di Amare Autentico si basa sull’enorme differenza tra tollerare che qualcuno non sia come noi e rispettare l’altro: ogni persona merita di essere amata totalmente con i proprio difetti e le proprie lacune, quando rispettate completamente l’altro la diversità tra di voi non vi metterà più paura anzi l’apprezzerete perché sarà ciò che renderà la vita di coppia davvero interessante.

L’Amore Autentico e l’uguaglianza nel rapporto di coppia.

Un importante segnale della “trappola del bisogno” è quando ci si mette al servizio dell’altro invece di vivere con lui. Questo è uno dei punti più importanti. Servire l’altro non è un segno d’affetto, anzi. Dimostra, al contrario, che si fa molta fatica a gestire il proprio amore. Bisogna essere al servizio di se stessi e di nessun altro: amare passa prima di tutto da se stessi. Potete rendere servizio alla persona cara, ma non siete qui per servirlo.

Le persone che servono coloro che amano finiscono sempre per rimpiangerlo primo perchè saranno certamente delusi da quello che ottengono in cambio (perchè non lo reputeranno mai abbastanza) in più perchè vivono sentendosi obbligati a dare sempre di più. Non è colpa dei partner se le cose sono così ma è implicito nella natura umana accumulare diritti acquisiti.

L’amore è come una danza: a volte siete voi a condurla, a volte il vostro partner. Riuscite a lasciarvi andare quando è l’altro a condurre? Riuscite a permettere all’altra persona di prendere le decisioni? Di stabilire le regole? Molte persone non riescono a rispettare i ruoli nell’errata convinzione che si è gli “unici” ad essere in grado di fare ciò che è giusto e sano per il rapporto. Al contrario c’è bisogno di rendersi conto che ognuno ha qualcosa da dare all’altro e che ognuno può guidare l’altro. Sarà proprio grazie a questa nuova forma di uguaglianza che si creerà Amore Autentico e che insieme potrete danzare sulle note della vostra unica meravigliosa melodia.